Sedute di musicoterapia per il trattamento della Dislessia

Sedute di musicoterapia per il trattamento della Dislessia

Dislessia

La dislessia è un disturbo classificato tra i Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA). La sua principale manifestazione consiste nella difficoltà che hanno i soggetti colpiti a leggere velocemente e correttamente ad alta voce. Tali difficoltà non possono essere ricondotte a insufficienti capacità intellettive, a mancanza di istruzione, a cause esterne o a deficit sensoriali. Anche se la diagnosi di dislessia può essere fatta solo in classe seconda o terza della scuola primaria, già in prima elementare alcuni/e bambini/e manifestano difficoltà nell’imparare a leggere ed è opportuno dare un aiuto senza colpevolizzazione, intervenendo subito; aspettando, la difficoltà aumenta. La dislessia ha una prevalenza maggiore nei maschi. I problemi maggiori nascono quando i bambini dislessici non vengono compresi, poiché spesso passano per pigri o addirittura per stupidi. Questo li porta spesso a perdere la propria autostima, a forme di depressione o ansia, a crisi d’identità e molto spesso a rigettare in toto il mondo della scuola, rinunciando in questo modo a molte possibilità che la loro intelligenza del tutto normale, invece, consentirebbe.

Musicoterapia e Disturbi Specifici di Apprendimento

Ciò che caratterizza il bambino con disturbo specifico di apprendimento è la presenza di un impaccio considerevole nello svolgimento di tutte quelle attività che richiedono un’integrazione di più competenze di base; è proprio l’intreccio di capacità diverse che mette a dura prova il soggetto nel suo processo di apprendimento scolastico.

Queste difficoltà riguardano infatti il difficile uso delle seguenti competenze:
–         Coordinazione oculo – manuale
–         Integrazione visivo – uditiva
–         Integrazione percettivo – motoria
–         Integrazione spazio – temporale
–         Memorizzazione visivo – uditiva
–         Memorizzazione visiva sequenziale
–         Memorizzazione uditiva sequenziale
–         Competenze meta – fonologiche
–         Simbolizzazione grafica sequenziale
–         Decodifica visiva sequenziale

In particolare la Dislessia comporta:

–         Scarsa discriminazione di grafemi diversamente orientati nello spazio
–         Scarsa discriminazione di grafemi che differiscono per piccoli particolari
–         Scarsa discriminazione di grafemi che corrispondono a fonemi sordi e fonemi sonori
–         Difficoltà di decodifica sequenziale
–         Prevalenza della componente intuitiva

La musicoterapia, attraverso l’utilizzo dello strumentario, consente di strutturare esercizi-gioco che favoriscano l’acquisizione e il consolidamento di queste competenze, il tutto in uno contesto piacevole e divertente per il ragazzo. Inoltre, lo strumentario si presta ad essere utilizzato come canale di sfogo di tensioni accumulate a scuola, in famiglia, nel gruppo dei pari. I disturbi specifici dell’apprendimento infatti, portano con se in molti casi, un “corredo” doloroso per il ragazzo, composto dalla frustrazione per le attese deluse dei propri genitori, gli scherzi dei compagni e la consapevolezza di avere “qualcosa che non va”. L’aspetto emotivo del ragazzo pertanto sarà da considerarsi una priorità all’interno del trattamento musicoterapico.

Per contatti

Operiamo in tutta Italia: Trentino-alto adige, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte, Valle d’ Aosta, Emilia-Romagna, Liguria, Toscana, Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise, Puglia, Campania, Basilicata, Sardegna, Calabria, Sicilia. Per informazioni, potete contattarci alla mail segreteria@laboratorimusicali.org

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *